Mobilità sostenibile: 4 veicoli elettrici per la città

La mobilità sostenibile sta sempre più guadagnando terreno anche nel nostro paese. Tutta una serie di veicoli a zero emissioni ed a costi ridotti sono sempre più diffusi ed utilizzati per gli spostamenti quotidiani in città, nel tragitto casa-lavoro e durante il tempo libero. Vediamo nel dettaglio quattro soluzioni da adottare per uno stile di vita più attento all’ambiente.

Scooter elettrico

Cominciamo da quello che può essere considerato la migliore alternativa alle quattro ruote tradizionali, lo scooter elettrico. Il segmento è in continua ascesa, cresce l’offerta dei modelli ed i prezzi per aggiudicarsi un veicolo ad emissioni zero sono in calo. I vantaggi? Molteplici. Innanzitutto lo scooter elettrico può essere utilizzato ogni giorno per andare a lavoro, con la possibilità di portare in ufficio la batteria (quasi sempre removibile) per garantirsi una ricarica e non rischiare di rimanere senza energia. È escluso dai vari blocchi del traffico e può avere accesso alle zone tradizionalmente inibite al traffico come le ZTL. La batteria può essere portata al 100% in tempi ragionevoli (una media di 4-5 ore). In più lo scooter elettrico è esente dal bollo per cinque anni, l’assicurazione costa circa il 50% in meno e la manutenzione è praticamente ridotta a zero.

Il fattore più importate in fase d’acquisto è l’Ecobonus, che prevede uno sconto del 30% sul prezzo di listino con un tetto massimo di 3.000 euro. Per approfittare degli incentivi è però necessario rottamare uno scooter, una moto o un ciclomotore Euro 0, Euro 1 ed Euro 2. Il mezzo da rottamare deve essere di proprietà dell’acquirente o di un familiare convivente da almeno 12 mesi.

Da chi possono essere guidati? Gli scooter elettrici seguono le stesse regole delle due ruote tradizionali. L1e identifica la categoria di veicoli a due ruote con velocità massima di 45 km/h, possono essere guidati a partire dai 14 anni con patente AM. L3e identifica invece i veicoli a due ruote con velocità superiore ai 45 km/h e devono essere guidati con patente A. I prezzi medi di uno scooter elettrico rientrano nel range che va dai 1.900 euro ai 5/6 mila euro. Variante degli scooter elettrici sono i veicoli a tre ruote indicati per il trasporto di anziani e disabili. Si tratta di modelli disponibili ad un costo inferiore e che non devono superare i 6 km orari, possono essere guidati senza patente, non possono essere assicurati e sono sprovvisti di targa e libretto di circolazione.

Bicicletta elettrica

La bicicletta elettrica può essere considerata la “sorellina” dello scooter elettrico, acquistabile ad un prezzo più basso. Anche in questo caso si tratta di un mezzo ad emissioni zero, equipaggiato però con un motore dalla potenza inferiore ai 250W che assiste la pedalata. La sua velocità non supera i 25 km orari. Tutte condizioni che consentono al veicolo di poter circolare liberamente e al proprietario di non incorrere in sanzioni. Quando si valuta l’acquisto di una bici elettrica bisogna tenere conto della qualità della batteria e della durata dell’autonomia, insieme alla struttura del telaio.

Monopattini & Co.

Vi sarete certamente accorti dell’ampia diffusione che i monopattini (e simili) hanno avuto nell’ultimo anno. Non poteva essere altrimenti: si tratta di mezzi leggeri, ecologici, pratici, che possono essere trasportati ovunque e acquistabili ad un costo sostenibile. Attenzione però, perché la normativa che regola la circolazione dei monopattini si è fatta stringente. I mezzi non possono circolare in strada ma su specifiche piste ciclabili, aree pedonali prestabilite o marciapiedi. Ed è ogni città a stabilire vincoli e libertà di movimento. L’ultima legge di bilancio ha infatti stabilito che è compito di ogni Comune stabilire una specifica area interessata e dotarla di adeguata segnaletica. I monopattini elettrici possono inoltre essere guidati dai maggiorenni e da minorenni, purché in possesso di patente Am. Se avete intenzione di acquistare un monopattino elettrico, assicuratevi che il motore abbia una potenza massima di 500W, che sia certificato con il marchio Ce e che non superi la velocità di 6 km orari. Targa e assicurazione non sono invece previste.

Auto elettrica

Se da un lato le auto elettriche garantiscono un’autonomia sempre più elevata, dall’altro il prezzo d’acquisto resta ancora proibitivo per molti. Una spesa iniziale che certamente può essere ammortizzata dai costi di gestione ed alimentazione praticamente nulli, oltre che dagli incentivi auto fino ai 6.000 euro per l’acquisto di auto nuove, a partire dal primo marzo 2019. Se siete interessati all’acquisto di un’auto con motorizzazione green, tra le più economiche vi segnaliamo la Smart ForTwo (da 24.368 euro), la Renault ZOE (da 25.900 euro), la Peugeot iOn (da 28.301 euro) e la Opel Corsa-e (da 29.900 euro). A livello di prestazioni, si tratta di modelli che non hanno nulla da invidiare alle auto tradizionali. Le velocità massime possono essere elevate e in fase di accelerazione garantiscono uno sprint senza pari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *